Curriculum musicale di Carlo Botti

Tastiere e piano



Nasce il 18/02/1962 a Milano. La sua passione e devozione per la musica affonda le radici già nella sua infanzia e adolescenza, quando i suoi genitori gli regalarono il primo mangiadischi e il mangianastri, nuovi arrivati della tecnologia degli anni ’60 -’70 con cui ascolta i 45 giri e le cassette dei gruppi più famosi italiani e stranieri dell’epoca (in particolare Mina, i Matia Bazar, La Belle Epoque, i Bee Gees, gli Abba, Donna Summer, gli Chic, i Delegation).

A 11 anni scopre la passione per gli strumenti a tasti, quando i suoi genitori gli regalano - agli inizi degli anni ’70 - un organo Bontempi che lui inizia a suonare come autodidatta dedicandosi con ardore per qualche tempo.

Ha poi la fortuna di vivere nel fior fiore della gioventù i mitici anni ’80 e la fantastica musica che ha accompagnato quegli anni meravigliosi e che lui segue ed ascolta grazie alle nuove radio private e ai nuovi canali TV come MTV: inizia quindi a conoscere, ad affezionarsi e poi a seguire come fan i gruppi più famosi ed importanti nati allora e che hanno segnato la musica di allora e contemporanea, come i Cure, i Depeche Mode, i Simple Minds, i Tears for Fears, i Lotus Eaters, Howard Jones, Yazoo, Ultravox, Dead or Alive, Nick Kershaw, Police, U2, ecc). Questi gruppi degli anni ‘80, in particolare i Cure e i Depeche Mode, hanno segnato e avuto una forte influenza sul suo stile musicale compositivo che emergerà anni dopo. Nel 1993 decide finalmente di avvicinarsi e dedicarsi seriamente alla musica dal punto di vista teorico (teoria e solfeggio, armonia) e pratico prendendo lezioni di tecnica pianistica e dell’armonio col Maestro Piero Tuscano, presso la Scuola “Music Time” fondata nel 1975 dal Maestro Giorgio Logiri a Milano, studi che prosegue tutt’oggi. Impara così a conoscere ed apprezzare meglio anche la musica classica e i canti gregoriani. Nel corso degli anni ’90 e fino al 2010 forma con amici varie cover-band di brani anni ’80 e ’90 in cui suona come tastierista, esibendosi a feste organizzate nel locale Tecnoclub di Cornaredo (MI) e in alcuni locali pubblici del milanese. Nel 2011 fonda, insieme ad Emanuele Condello, i No Ties, una cover-band di musica anni ’80, con cui si esibisce al Skatafashow di Monza.

Nel 2013 inizia a dedicarsi a comporre brani musicali, iscrivendosi poi nel 2014 alla SIAE come compositore ed autore. Sempre nel 2014 fonda gli Underframe, in qualità di tastierista e compositore-autore.

Generi musicali preferiti: classica, pop, pop-rock, post-punk, new wave, dark, dance anni ’70 e ’80, gospel, ambient.